Orecchini di gran classe

Eleganza, stile e raffinatezza: in poche parole, queste sono le migliori parole per descrivere gli orecchini Brosway, gioielli di gran classe adatti a ogni occasione.
Gli orecchini Brosway si caratterizzano per l’elevata qualità dei materiali utilizzati, per lo stile impeccabile e per la ricercatezza dei dettagli, che li rendono unici e inimitabili.
Il catalogo degli orecchini Brosway è molto ampio: sono tantissimi i modelli presentati da questa importante azienda italiana, che fa proprio del Made in Italy e della sua italianità un marchio di riconoscimento.
Gli orecchini Brosway si adattano a ogni necessità: molto apprezzati sono i punti luce, elementi discreti e di dimensioni ridotte che esaltano qualsiasi look con la loro raffinatezza. I punti luce Brosway sono degli orecchini adatti a ogni età, che l’azienda italiana ha realizzato in forme differenti proprio per assecondare qualsiasi esigenza di stile. A forma di stella, di fiore o di cuore, gli orecchini Epsilon sono caratterizzati da un meraviglioso cristallo Swarovski Elements centrale, che dà quel tocco di originalità e di luce in più che esalta qualsiasi look. Inoltre, Brosway ha pensato di variare anche sulla finitura dell’orecchino stesso, realizzando una serie di orecchini Epsilon in PVD oro rosa, che esalta ancor di più classe di questo gioiello.

Ma non solo piccoli elementi delicati, perché Brosway ha inserito nel suo catalogo anche straordinari orecchini pendenti, belli ed eleganti. L’acciaio è l’elemento conduttore di tutti gli orecchini Brosway ma l’azienda italiana ha osato, proponendo anche orecchini con PVD in oro di vario colore. Nero, rosa, bianco e oro rendono questa collezione unica nel suo genere. Ma, proprio per differenziare e rendere unico e straordinario il suo catalogo, oltre all’acciaio, Brosway ha utilizzato anche l’ottone, un metallo molto discreto e di gran resa, spesso abbinato alle finiture in PVD.
Leaves, Lady e Jardin sono solo uno degli esempi di orecchini pendenti Brosway, delicati e graziosi, che arricchiscono il volto e lo esaltano.

Molto interessante è anche la collezione Ear Tring, gli anelli da orecchio di dimensioni moderate, arricchiti in cristalli. Tuttavia, uno dei modelli di orecchini Brosway più apprezzati è Ribbon, il nastro in ottone rodiato, disponibile anche con la finitura in oro rosa, con pavé di zirconi bianchi: un classico dell’eleganza.

 

Consigli per l’abbigliamento invernale

Una delle domande più frequenti per una neo-mamma, che partorirà nei mesi più freddi, è quella di come vestire il proprio bambino. Sicuramente la scelta del materiale del vestiario è la più importante, proprio perché alcuni tessuti potrebbero provocare allergie al bambino. Gli esperti consigliano di far indossare sempre un body di puro cotone sotto ogni vestitino, in modo tale che il tessuto non va a diretto contatto con la pelle, questa tecnica è valida sia per il periodo invernale che per quello estivo.
Un altro consiglio è quello di utilizzare vestiti da neonata quanto più pratici e comodi è possibile, e quindi ridurre la presenza di lacci o fibbie che in primis potrebbero essere pericolosi per il bambino, e poi faciliterebbero il cambio del pannolino.
Il cappellino è un accessorio che non è particolarmente simpatico al bambino, infatti si consiglia di usarlo solo se è necessario, e quindi per i mesi più umidi e più freddi.
Per proteggere invece i piedini dal freddo, non sono necessarie le scarpine, ma bensì un ottimo paia di calzini di lana, che non daranno neanche alcun fastidio al bambino.

Cosa si rischia a coprire troppo i bambini?
Vestire troppo pesanti i bambini si rischia di farli sudare, e questo provocherebbe la febbre al bambino.
Molti genitori pensano che i neonati abbiano molto più freddo degli adulti, non è così, anzi alcuni pediatri sostengono addirittura che loro abbiano una temperatura corporea più alta della nostra.
Quindi come regolarsi?
Sicuramente un primo consiglio è quello di vestirli a strati, in modo tale che se il bambino inizia ad innervosirsi per il caldo, basterà spogliarlo.
I materiali da usare per prevenire allergie al bambino sono sicuramente:
– Tutine di puro cotone
– Tutine o di ciniglia o di cotone caldo
– Una tutina imbottita all’interno, per quando si è fuori casa.
Anche la lana va bene come tessuto, a patto che sia pura.

Che colore scegliere per un neonato?
Sicuramente il colore è una cosa soggettiva, anche se prima di tutto dipende dal sesso del bambino, generalmente d’inverno i colori più usati sia per i maschietti che per le femminucce sono il bianco e il giallo, invece solo per bambine il rosa, e solo per i maschietti il blu. Colori molto classici che non passano mai di moda. Alcuni modelli sono arricchiti da decorazioni davvero molto originali.

 

Intimo femminile le ultime proposte moda

L’intimo femminile è il biglietto da visita per una donna. Scegliere che tipologia di intimo indossare non è facile come sembra, sicuramente bisogna tener conto di moltissimi aspetti, dall’occasione, al gusto o del colore. Una vera donna non si sente apposto solo quando è fisicamente impeccabile, ma soprattutto quando cura anche il suo intimo. Di modelli ne esistono davvero tanti, dai più sobri ai più sexy, tutti con un unico scopo, quello di far sentire speciale chi lo indossa, scopri i modelli di intimo femminile online delle migliori marche.
I primi modelli di intimo risalgono al 1500, con una sorta di mutanda lunga fino alle ginocchia. Oggi sicuramente le cose sono cambiate, infatti prima indossare l’intimo segnava molto una donna, impedendole quasi di muoversi.
La scelta dell’intimo oggi deve essere fatta con criterio, di modelli ne esistono molti, ma sicuramente scegliere un prodotto di qualità, e quindi in cotone, eviterà il rischio di allergia alla pelle.

Nuove tendenze sull’intimo femminile
Uno dei colori maggiormente usati sull’intimo è sicuramente il nero, un colore che non morirà mai, rendendo la donna estremamente elegante. Molti brand propongono questo colore sui loro modelli, uno fra tutti è Intimissimi.
I modelli proposti sono davvero sorprendenti, tra cui reggiseni a balconcino con una bretella leggermente più doppia rispetto ai reggiseni classici che danno quel tocco di eleganza in più che sempre gradito. Altri modelli fra quelli proposti sono privi del ferretto.
Il modello a triangolo è molto accattivante, c’è un aggiunta di una balza sotto il seno, rendendo questo modello davvero unico nella sua tipologia.
Altri modelli invece disponibili con o senza imbottitura, sicuramente tra i più venduti troviamo quelli in pizzo.
Per quanto riguarda invece il brand Cotonella, propone dei modelli davvero innovativi, a partire da questo capodanno, la nota casa di intimo offre molti modelli con fondo rosso, dalla brasiliana, alla culotte e al perizoma, sia in pizzo che in velo.
Di nuova tendenza, pronta a essere indossata nella prossima primavera, saranno i completi reggiseno, mutande e sottoveste con fantasie a sfondo floreale in pizzo. Una varietà di colori uniti al fascino del classico e sempre immancabile pizzo.

Richiedi l’APE affidati ad uno studio di esperti

La certificazione energetica APE (attestato prestazione energetica) è un documento che attesta le caratteristiche energetiche di uno stabile, come un’abitazione o un condominio, descrivendo le prestazioni energetiche in una scala da A a G. Ho richiesto la certificazione energetica online con lo studio Lombardi, uno studio di esperti del settore nella città di Milano, per aumentare il valore della mia casa: infatti gli edifici che presentano una certificazione APE hanno un valore immobiliare più elevato di quelli che non ce l’hanno.

Dal 2009 infatti è obbligatorio per gli immobili in vendita avere una certificazione APE e dal 2014 sono stati pubblicati degli approfondimenti che chiariscono quando è obbligatorio farla, cioè in caso di donazione, compravendita, affitto, edifici nuovi e pubblici e ristrutturazioni che coinvolgono oltre il 25% della superficie dell’immobile.
Ma a che cosa serve fare un APE alla propria abitazione? L’APE è ormai obbligatorio per legge ed è uno strumento molto utile per valutare quanto conviene acquistare o affittare un’abitazione e serve anche in caso di interventi di riqualificazione energetica, ad esempio per installare un nuovo impianto di riscaldamento o i pannelli solari sul tetto. L’APE quindi non è solo una pratica burocratica, ma un vero vantaggio per chi lo richiede, perché aumenta il valore dell’immobile che ha consumi energetici bassi.

Come viene eseguito l’APE? Per evitare truffe bisogna rivolgersi ad uno studio di esperti qualificati, come l’agenzia milanese cui mi sono rivolto per il mio certificato. Dopo aver contattato l’agenzia, essa provvede a inviare un tecnico che possiede l’abilitazione alla progettazione di impianti ed edifici (come geometra, ingegnere o architetto). Il tecnico deve effettuare un sopralluogo approfondito che è obbligatorio per legge ai fini dell’APE. Durante il sopralluogo vengono valutate diverse caratteristiche dell’edificio, ad esempio muri ed infissi, consumi di acqua calda, tipo di impianto di riscaldamento e/o di climatizzazione, eventuale presenza di sistemi di produzione di energia (pannelli solari ecc). Al termine del sopralluogo il tecnico consegna l’attestato APE che deve essere conservato con i documenti dell’abitazione e consegnato agli eventuali nuovi proprietari o affittuari.

Il costo di un’APE è comprensivo di uscita del tecnico, sopralluogo, IVA e altre spese aggiuntive e si aggira intorno ai 200 euro; siccome non esiste una tariffazione minima, la tariffa può variare in base all’area dove sorge l’edificio (cittadina, rurale…) e alla tipologia dell’immobile (appartamento, villa, casa a schiera…).

 

 

 

 

 

 

 

Emozioni da rivivere

Avevo già praticato questo sport in altre parti del mondo, ma i nostri monti, gli Appennini, con i loro boschi immacolati, i panorami mozzafiato, l’accoglienza e la disponibilità dei suoi abitanti, possiedono sempre un posto rilevante nei miei affetti e nei miei ricordi. Era l’agosto del 2013, quando scelsi di recarmi a Caramanico Terme, borgo situato nel cuore del Parco Nazionale della Majella, in una delle regioni più affascinanti della Penisola, l’Abruzzo, per saperne di più clicca qui. Caramanico Terme sorge al centro di un vero e proprio paradiso terrestre, incastonato come una gemma preziosa fra alcune delle montagne più elevate e selvagge della regione appenninica. La strada che porta fino al viadotto di Salle è un trampolino dal quale lanciarsi a capofitto nella natura più aspra, tra panorami incantevoli, fitti boschi, radure e alte vette rocciose. Dal ponte di Salle si domina uno strapiombo di oltre 100 metri: il viadotto è situato sulla strada che congiunge i piccoli borghi di Salle e San Tommaso, quest’ultimo frazione di Caramanico. Al di sotto del mastodontico ponte scorre il fiume Orta, affluente del Pescara, il cui corso è segnato da rapide, piccole cascate e profondi canyon, incastonati in uno scenario naturale di enorme bellezza. Il salto raggiunge quasi il letto del fiume, all’interno della vallata boscosa scavata dallo scorrere delle acque. L’ampiezza del volo tocca i 90 metri, mentre l’elastico che i simpaticissimi ragazzi del bungee center utilizzano per assicurare gli spericolati turisti misura ben 22 metri. L’esperienza è stata meravigliosa, perché vissuta insieme a persone simpatiche ed appassionate, che hanno avuto l’ardire di portare nel proprio territorio una disciplina spettacolare e sempre più apprezzata, offrendo un’opportunità in più a tutti gli amanti dello sport e dell’adrenalina. Il luogo scelto dal Bungee Center Abruzzo è semplicemente fantastico, così come preziose sono state le informazioni messe a disposizione dal portale online dell’associazione. Il bungee jumping non è soltanto uno sport ma è un mezzo in grado di renderti padrone delle tue emozioni, capace di farti crescere, migliorando la fiducia nei tuoi mezzi. Un’esperienza fantastica, così come fantastici sono i luoghi che ospitano i maggiori bungee center della Penisola: il Parco della Majella, le Alpi, la Liguria e lo spettacolare golfo di Orosei in Sardegna. Provare per credere.

I manichini protagonisti delle vetrine

I veri protagonisti delle vetrine dei negozi di abbigliamento, indipendentemente dal periodo dell’anno, sono senza dubbio i manichini in quanto essi consentono di trasmettere al potenziale cliente un’idea sulla perfetta vestibilità di un abito.

Spesso sono proprio i dettagli a fare la differenza e la scelta dei manichini deve essere ponderata sulla base del messaggio che si vuole trasmettere al cliente potenziale, scegliendo con massima cura vestiti e accessori da fare indossare al manichino in modo da rendere un impatto visivo accattivante e attraente.
Ciascun manichino è diverso dall’altro e a seconda degli abbinamenti con cui si vestono, possono suggerire nuovi stili e nuove idee di moda, contribuendo a fornire al cliente non soltanto l’interesse per quell’abito ma anche qualcosa in più. Grazie a internet e al commercio elettronico, oggi per un negoziante è possibile poter scegliere tra diverse tipologie di manichini online in base alle proprie esigenze, ordinarli e riceverli comodamente in negozio, pronti da vestire ed esporli nella propria vetrina.

Se il negozio vende una linea di abbigliamento generica anche il manichino dovrebbe essere quanto più possibile neutrale; al contrario, un negozio che vende brand di alta moda dovrebbe vestire un manichino che trasmetta un messaggio differente, con maggiore incisività, in modo da trasmettere uno stile diverso dalla massa.
Manichini sartoriali, realizzati quindi con materiali particolari o su misura, oppure esposti in pose particolari, possono fornire delle impressioni diverse, andando a valorizzare il capo di abbigliamento.
Un manichino in vetrina deve rispondere anche allo stile del negozio: se lo stile architettonico è piuttosto antico anche il manichino deve essere consoni all’ambiente, con materiali e colori indicati, richiamando alla mente antiche sartorie artigianali.
Sì da spesso troppa poca importanza ai manichini mentre invece i veri protagonisti delle vetrine sono anche loro oltre ovviamente ai vestiti che indossano.
I manichini sartoriali hanno il grande vantaggio di essere realizzati su misura e sono maggiormente consigliati a negozi quali boutique e sartorie di alta gamma: il fatto che siano prodotti ad hoc aiutano il sarto nella realizzazione dell’abito su misura. Riproponendo infatti un manichino con la stessa taglia del cliente, è possibile regolare le misure del vestito, modificando e adattando ad esempio il taglio del seno in caso di manichino femminile, di spalle in caso di manichino maschile.
Un buon manichino, se realizzato correttamente, sa quindi esaltare le forme dell’abito.